VISITA SUL WEB DELLA TOMBA DEI PROPRI CARI

05/08/2015 alle 14:04

(Articolo pubblicato da Mimma Di Figlia su "ilcaleidoscopio.info" il 30/07/2015)

Sarà presentato a Bompietro il 23 agosto, in occasione della tradizionale “Festa dell’emigrante”, un inedito ed ambizioso progetto, ideato e realizzato da due bompietrini residenti a Roma: Calogero Brucato e Giuseppe Di Prima.

Il progetto prevede la realizzazione di un sito, unico in Italia, di un “Cimitero virtuale delle Madonie”, il sito "Virtuacari.it": una presentazione in anteprima a Bompietro, prima del debutto ufficiale.

Un’idea sorprendente, anomala che forse, per certi versi, potrebbe apparire dissacratoria, ma in realtà alla base del progetto c’è un’intima e profonda sensibilità di due amici, Peppino e Lillo, i quali lontani dal loro paese per lavoro, intessono una profonda amicizia e nello scambio di ricordi ed esperienze hanno voluto “regalare” un servizio che non ha precedenti e che coinvolgerà emotivamente quanti conservano sempre nel loro cuore i loro cari che non ci sono più.

Grazie alle nuove tecnologie sarà possibile fruire di un servizio che consente, attraverso un portale, di visitare un cimitero, deporre fiori e candele. Ci sarà l’opportunità per tutti coloro che vivono lontani dal loro paese di essere vicini ai familiari scomparsi in maniera virtuale, ma ricreando l’atmosfera e le condizioni reali per una vera e propria visita ai cimiteri delle Madonie.

Un legame forte, avvertito soprattutto da chi per necessità vive lontano o non potrà mai realmente recarsi a far visita ad una persona cara, ma che potrà grazie a questo progetto, in qualsiasi momento, usufruire di servizi sia reali che virtuali.

Reali: far deporre un mazzo di fiori e/o un lumino sulla lapide da un personale incaricato che invierà una foto dell’avvenuta consegna; far pulire una lapide; offrire una Messa in suffragio direttamente dal portale e informare parenti e amici tramite news.

Virtuali: deporre un mazzo di fiori e/o un lumino virtuale sulla foto della lapide con la possibilità di rivederlo per un certo periodo di tempo; lasciare un pensiero personale sulla bacheca del defunto; inserire una biografia del defunto citando i momenti più significativi della sua vita; realizzare un album fotografico, da poter rivedere quando si vuole, con le foto più rilevanti della vita del proprio caro e condividendolo con parenti e amici.

Gli ideatori del progetto hanno pensato a Bompietro e alle Madonie, come luogo di origine ed in quanto realtà con accentuato fenomeno migratorio che costringe tantissimi ad allontanarsi dai loro paesi, pur mantenendo un forte attaccamento ed una inguaribile nostalgia verso il luogo natio; anche gli anziani, spesso, sono nell’impossibilità di recarsi in un cimitero pur desiderando di farlo.

Un’esperienza che ha dell’incredibile, ma che, oltre lo sbalordimento iniziale provoca emozione e suscita stupore e potrà aiutare a  colmare quei tanti “vuoti” interiori percepiti in chi ripone nei sentimenti, nei ricordi, negli affetti lo “scrigno” più prezioso e raro della propria vita.

Calogero Brucato